Recesso e reclami

In aderenza alle norme di cui al “Codice del Consumo” ed in particolare all’art. 64, per i contratti e per le proposte contrattuali a distanza ovvero negoziati fuori dai locali commerciali, l’acquirente ha diritto di recedere senza alcuna penalità e senza specificarne il motivo, entro il termine di dieci (10) giorni lavorativi, dalla ricezione della merce.
– Il diritto di recesso si esercita con l’invio, entro i termini previsti, di una comunicazione scritta alla sede del professionista mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento. La comunicazione può essere inviata, entro lo stesso termine, anche mediante telegramma, telex, posta elettronica certificata e fax, a condizione che sia confermata mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento entro le quarantotto ore successive; la raccomandata si intende spedita in tempo utile se consegnata all’ufficio postale accettante entro i termini previsti dal codice o dal contratto, ove diversi. L’avviso di ricevimento non è, comunque, condizione essenziale per provare l’esercizio del diritto di recesso.
– In caso di recesso e/o di reclami tempestivamente denunciati, il Cliente è obbligato alla restituzione a proprie spese, di tutto il materiale integro, oggetto del reclamo e all’indennizzo delle spese e dei costi sostenuti da Decò per la realizzazione del prodotto.
– In ogni caso la responsabilità di Decò è limitata alla ristampa o al rifacimento di quegli articoli in cui siano presenti errori o difetti che rendano il prodotto finito difforme rispetto all’anteprima del modello, inviata da Decò al Cliente e da questi approvata per la stampa e/o siano tali da rendere il prodotto completamente inservibile all’uso.